Contenuto principale

Messaggio di avviso

AZIONI DELLA SCUOLA PER L’INCLUSIONE SCOLASTICA

PROCESSO DEFINIZIONE DEL PEI

Il PEI è redatto all’inizio di ogni anno scolastico, tiene conto della certificazione di disabilità e del Profilo di Funzionamento personale ( D.Lgs 66/2017); è soggetto a verifiche periodiche, nel corso dell’anno scolastico, per accertare il raggiungimento degli obiettivi e apportare eventuali modifiche; è aggiornato in presenza di sopraggiunte variazioni delle condizioni di funzionamento della persona.

Nel passaggio tra i diversi gradi di istruzione, compresi i casi di trasferimento fra scuole, i docenti dell’istituto di provenienza devono fornire agli insegnanti della scuola di destinazione tutte le informazioni necessarie a favorire l’inclusione dell’alunno con disabilità.

Quanto ai contenuti, il PEI:

- individua strumenti, strategie e modalità per realizzare un ambiente di apprendimento efficace in tutte le sue dimensioni: relazionale, della socializzazione, della comunicazione, dell’orientamento e delle autonomie;

- esplicita le modalità didattiche e di valutazione in relazione alla programmazione individualizzata;

- definisce gli strumenti per l’effettivo svolgimento dei P.C.T.O., assicurando la partecipazione dei soggetti coinvolti nel progetto di inclusione.

 

SOGGETTI COINVOLTI NELLA DEFINIZIONE DEL PEI

Il Piano Educativo Individualizzato è elaborato dai docenti del consiglio di classe.

Partecipano alla redazione del PEI i genitori o chi ne esercita la responsabilità e le figure professionali specifiche interne ed esterne alla scuola, che interagiscono con la classe e con l’alunno con disabilità (educatori, OSS, assistenti all’autonomia ed alla comunicazione, esperti LIS dell’ENS, esperti per videolesi dell’Unione Italiana Ciechi).

Nell’ambito della redazione del PEI, i soggetti di cui sopra si avvalgono della collaborazione dell’Unità di valutazione multidisciplinare, di cui al DPR 24 febbraio 1994, UTR, OSMAIRM, Servizi Sociali.

 

MODALITÀ DI COINVOLGIMENTO DELLE FAMIGLIE

La famiglia, in quanto fonte di informazioni preziose, nonché luogo in cui avviene la continuità fra educazione formale ed informale, costituisce un punto di riferimento essenziale per la corretta inclusione scolastica dell’alunno con disabilità proprio per il ruolo strategico che essa ha nel definire il progetto individuale di crescita e di sviluppo dell’allievo. Una serie di adempimenti, quali la formulazione e la verifica del Profilo Dinamico Funzionale (P.D.F.), del Profilo di Funzionamento personale (che ingloba PDF e DF secondo quanto previsto dal D. L.vo 66/2017 a partire dal 01/01/2019) e del P.E.I., previsti dalla Legge 104/92, richiedono la partecipazione delle rispettive famiglie. Le famiglie sono coinvolte nella elaborazione dei PEI, dei progetti extrascolastici in favore degli alunni audiolesi e videolesi, nella stesura del PI e nella elaborazione dei PDP per le altre tipologie di BES. Le famiglie saranno coinvolte nella elaborazione dei progetti di inclusione e formazione degli allievi con DSA e Autismo, che prevedono la supervisione dell’AID Regionale (per i DSA) e del CENTRO ABA AUTISMO CABAU (per la Sindrome Autistica).

- COINVOLGIMENTO IN PROGETTI PER L’INCLUSIONE:

Fami 2018 conclusione

Orientamento per assicurare la continuità dalla scuola secondaria di I° (IC Manzoni Lizzano - IC Casalini S.Marzano - IC Giovanni XXIII - IC Bonsegna Toniolo - IC Del Bene - IC Morleo - IC PIGNATELLI).

- COINVOLGIMENTO IN ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA COMUNITÀ EDUCANTE.

 

RISORSE PROFESSIONALI INTERNE COINVOLTE (a.s. 2019-2020)

- COORDINATORE PER L’INCLUSIONE MIUR, prot. N. 37900 del 19.11.2015

- FUNZIONE STRUMENTALE

- DOCENTI DI SOSTEGNO

- AEC

- ASSISTENTI ALLA COMUNICAZIONE

- REFERENTI D’ISTITUTO

- PSICOPEDAGOGISTI E AFFINI (interni ed esterni)

 

RAPPORTI CON SOGGETTI ESTERNI

- UTR

- OSMAIRM

- PROVINCIA DI TARANTO – Coop. DOMUS

- LIS ASS. ENS (ENTE NAZIONALE SORDOMUTI SEDE TARANTO)

- O.S.S.

- U.I.C.

- RAPPORTI CON CTS / CTI IC VICO - DE CAROLIS TARANTO

- PROGETTO LAB – INCLUSION

- AID REGIONALE

- ANFFAS

- COMUNE DI SAVA

- IC GIOVANNI XXIII

- IC BONSEGNA-TONIOLO

- ASSOCIAZIONE CHIARA MELLE

 

FORMAZIONE

- “Dislessia Amica” 18/19, organizzato dall’Associazione Italiana Dislessia, ente accreditato dal MIUR per la formazione del personale della scuola, ai sensi della Direttiva Ministeriale 170/2016 , conseguendo il titolo di “Scuola Dislessia Amica” Livello avanzato 40 ORE

- Avviso D.D. 1110, 24.10.2017 - Art. 3 D.M. 663/2016 - Inclusione A Progetto “DocumentiAMO l’inclusione”

- Azione A 3 – Formazione e documentazione sulla visione ICF e il PDP su base ICF con Dott.ssa PAOLA DAMIANI – Referente Inclusione USR Piemonte, esperta ICF e docente Università degli Studi di Torino Sede di svolgimento: ICS Viola - plesso Battisti Via Acton – Taranto Elaborazione Modello PDP ICF

- Azione A 4 – Formazione e documentazione sul protocollo di accoglienza degli alunni con DSA: raccolta e selezione delle buone pratiche ed elaborazione di un protocollo comune per l’inclusione degli alunni con DSA/sospetto DSA Dott.ssa ELVIRA AZZALI centro OSMAIRM – SOS Dislessia - Taranto Sede di svolgimento: ICS Viola - plesso Battisti Via Acton – Taranto

- Azione C1 Formazione di base sul modello ABA e sue applicazioni per alunni con autismo nel contesto scolastico Dott.ssa Jessica Dean psicologa BCBA, supervisore ABA negli USA e in ambito internazionale, co-istruttrice presso il Florida Institute of Technology, guest professor Università di Salerno, membro Association for Behavior Analysts; - Dott. Simone Izzo, RBT iscritto al BACB e dottorando in ricerca in Scienze del linguaggio applicate all’ABA” presso Università Sorbonne di Parigi Sede di svolgimento: ICS Viola - plesso Battisti Via Acton – Taranto 30 ore

- Avviso D.D. 1110, 24.10.2017 - Art. 3 D.M. 663/2016 - Inclusione A Progetto DocumentiAMO l’inclusione - Avvio e calendario Azione C2 - Ricerca/Azione legate alla sperimentazione di metodologie e strategie efficaci per l’inclusione di alunni con disturbo dello spettro autistico ( osservazione in classe e osservazione presso ABC Centro ABA) Dott.ssa Jessica Dean psicologa BCBA, supervisore ABA negli USA e in ambito internazionale, co-istruttrice presso il Florida Institute of Technology, guest professor Università di Salerno, membro Association for Behavior Analysts

- Corsi formazione personale docente-Ambito 23 LABORATORIO SULLA VALUTAZIONE DELL’INCLUSIONE D’ISTITUTO: L’ ICF, strumento di didattica inclusiva SM “GIOVANNI XXIII” SAVA

- Elaborazione nuovo modello PEI ICF

 

FORMAZIONE AMBITO 23

Scuola Polo Inclusione: I.C. “Giannone” – Pulsano (TA)

 

PROPOSTE DEI P.C.T.O. INCLUSIVI

COMUNE DI SAVA

ANFFAS

 

Il foglio HTML cheat ha il suo editor incorporato in cui è possibile visualizzare in anteprima il documento in cui si lavora. Clicca qui per provarlo.